I migliori 5 Gin Italiani

I migliori 5 Gin Italiani

Il territorio italico è famoso in tutto il mondo per la sua ricca e variegata produzione di vino. Da sempre in concorrenza con la Francia, l’Italia, dalle Alpi fino a Lampedusa, da sempre produce i migliori vini a livello mondiale, padroneggiando le classifiche da anni.

In pochi sanno che, soprattutto recentemente, in Italia i mastri distillatori stanno affinando le loro tecniche per produrre un liquore molto apprezzato: il Gin.

Ecco che Compayron ha redatto per voi la classifica dei migliori 5 Gin di produzione italiana attualmente in commercio (e facilmente acquistabili attraverso il nostro e-commerce).

Iniziamo!

5° Posto: Gin O’ndina

Al quinto posto della nostra classifica troviamo il nuovo distillato di casa Campari, il Gin O’ndina. Un prodotto fascia premium che viene preparato con diciannove essenze botaniche, tra le quali basilico fresco direttamente dalla Liguria, agrumi del mediterraneo e altri aromi classici come ginepro, salvia e maggiorana. Distillato attraverso l’utilizzo di piccoli alambicchi e riscaldato a vapore in maniera tale da mantenere un sapore morbido. 

Con un design da “dolce vita” italiana, il Gin O’ndina punta al mercato estero, esportando sapori e aromi della nostra terra.

4° Posto: Sabatini Gin

Le radici di provenienza di questo gin così come le radici della famiglia Sabatini sono originarie di Cortona, in provincia di Arezzo. 

Il Gin Sabatini si classifica al quarto posto, così come dichiara la famiglia Sabatini, la maggior parte dei botanicals utilizzati per la distillazione del loro omonimo gin, vengono coltivati nella loro tenuta toscana; troviamo dunque finocchio selvatico, lavanda, foglie di olivo, timo e verbena al limone, gli ingredienti donano il suo sapore caratteristico. 

Grazie all’accordo con uno dei massimi mastri distillatori inglesi, Charles Maxwell, la produzione incrociata tra Italia e Inghilterra lo rende un Gin di alto livello.

3° Posto: Panarea Gin

Sul podio, al terzo posto della nostra classifica, troviamo un gin dalle radici sicule, dedicato alla più lussuosa delle isole Eolie: Panarea Island Gin.

Distillato dalla famiglia Inga, specializzata dal 1832, vengono utilizzati botanicals di alta qualità provenienti dal mediterraneo: agrumi infusi, limone, arancia, mirto e coriandolo che insieme alle note importanti di ginepro donano un tono unico dai sentori fruttati ed un finale secco amabile. 

2° Posto: Gin Acqueverdi

Il gin di origine alpine Acqueverdi si posiziona secondo nella nostra classifica. L’enorme varietà di erbe, radici, bacche, fiori e frutti coltivate nelle montagne della valle d’Aosta, lasciano ampia scelta ai mastri distillatori de La Valdotaine che lavorano le essenze in alambicchi di rame lavorati a mano; la particolare mineralità delle acque di montagna aiutano a rendere il sapore unico nel suo genere; l’infusione prevede l’utilizzo di: genziana, fiori di sambuco, malva, rosa alpina, germogli di pino, aghi di abete e pino mugo.

La sorgente Acqueverdi viene utilizzata nel processo di distillazione e grazie alla presenza di rari minerali che colorano leggermente di turchese le acque sorgive.

1° Posto: Marconi 46 Gin

Il vincitore della nostra classifica dei 5 migliori Gin Italiani è il distillato di casa Jacopo Poli: Marconi 46. Sin dal medioevo la famiglia Poli è radicata nell’altopiano veneto, inizialmente come coltivatori e poi nel tempo pastori, osti e infine distillatori; famosissimi per la produzione di grappa, in tempi recenti ha deciso di produrre un Gin di eccellente fattezza.

Il Marconi 46 viene distillato secondo il metodo Crysopea, ovvero un innovativo alambicco di rame utilizzato sottovuoto e a bagnomaria. 
Questa metodologia unica permette l’infuzione delle bacche di ginepro, uva moscato, cardamomo, menta, cirmolo, pino mugo di montagna e coriandolo che donano un sentore fresco e balsamico mentre in degustazione risulta morbido e leggermente speziato.

Siamo arrivati alla fine della nostra personalissima classifica dei 5 migliori Gin italiani, da sapori aromatici, danne note speziate e dai metodi all’avanguardia.

La distillazione del Gin è la nuova frontiera dell’eccellenza italiana.

E tu, quale Gin sceglieresti per deliziare il palato?

Lascia un commento